nventata nel XIX secolo dall'illusionista Jean-Eugène Robert-Houdin e successivamente perfezionata dall'orologiaio Maurice Couët in esclusiva per Cartier, la pendulette mystérieuse è un oggetto affascinante poiché dà l'impressione che le lancette siano sospese come per magia all'interno del cristallo e si muovano indipendentemente dal meccanismo. Frutto di diversi mesi di paziente lavoro e spesso sontuosamente rivestite dal gioielliere, le pendulettes mystérieuses sono esemplari eccezionali della produzione Cartier. La prima, nota come "Modello A", un parallelepipedo di cristallo, viene presentata nel 1912. Negli anni '20 Maurice Couët sviluppa diverse varianti di pendulettes mystérieuses, tra cui dodici d'ispirazione orientale e sei di forma Portique che restano i più preziosi oggetti decorativi mai realizzati da Cartier.

 

PENDULETTE MYSTÉRIEUSE “MODELLO A”

CARTIER PARIS, 1914

Platino, oro giallo, cristallo di rocca, agata bianca (base), quattro cabochon di zaffiro, diamanti taglio rose, smalto bianco. Questa pendulette mystérieuse particolarmente rara è uno dei primissimi esemplari realizzati da Cartier. 
Venduta al conte Greffulhe, marito della nota contessa Greffulhe, "la più bella donna d'Europa" a detta dello scrittore Marcel Proust, che la scelse tra le altre donne dell’epoca come modello per il personaggio della duchessa di Guermantes.

Altezza 13 cm